• 11:44:53 am on giugno 16, 2009 | 4
    Tag:, , , ,

    Dublino, al tempo delle Tigri e delle Sirene.

    Ricordo che quando arrivai a Dublino, fui testimone degli ultimi afflati di Tigre Celtica. La sbornia collettiva era ancora alta ed i weekend per me erano motivo di ribrezzo e curiosita’. Era quel sentimento di disgusto ed attrazione che si prova per qualcosa di tremendamente schifoso ma conturbante, come un coprofago ammira desiroso il suo perverso piatto.

    Vidi un popolo completamente ammaliato da una Sirena incantatrice, che presto li avrebbe divorati per poi buttarne i resti in mare. La stessa Sirena, che non sazia, si mangio’ anche la povera e vecchia Tigre.

    Dal venerdi sera fino alla domenica non c’era ragione che tenesse, il party cominciava. Temple Bar era un circo a cielo aperto, dove umanoidi sguaiati e grotteschi si aggiravano brancolando e grufolando come maiali in calore. Separatamente, c’erano femmine che strillavano come cornacchie, menavano come marinai e cadevano in terra come statue di vetro, senza mai infrangersi purtroppo. Tutti diventavano mostruosi, contorti nelle loro espressioni di gioia e malvagita’.

    Vomito, sangue e deiezioni di ogni tipo erano l’onesta ed organica cornice della grande festa della Dublino del Boom economico.

    Anche gli homeless ne facevano parte, danzando disgraziatamente di fronte ai musicanti erranti di Temple Bar. Magari, pensavano, qualcuno gli avrebbe sganciato qualcosa per il simpatico intrattenimento.

    Solo Bosch avrebbe potuto rappresentare quello che il mio filtro elaborava.

    Da una parte mi rattristavo per la sguaiatezza e la volgarita’ di quello spettacolo, dall’altra leggevo nei loro occhi la gioia di non essere piu’ pieni di imbarazzo per la loro poverta’ e sottomessi all’eterno confronto con gli odiati cugini inglesi, sempre piu’ grandi e maestosi di loro.

    Era il loro modo per mostrare il grande fottidito celtico al Mondo e all’Europa, che aveva relegato quest’isola a fanalino di coda, quasi a fargli scontare la secessione dal culo flaccido della Regina Madre.

    Poi, ogni popolo diventa vittima del suo boom e le risate diventano piu’ sommesse, tranne per le urla di pochi, che vengono definiti solamente degli “sciocchi”.

    Sláinte.

    Annunci
     

Comments

  • bacco1977 12:08 pm on 16 giugno 2009 | #

    difficile ragionare su cio’ che abbiamo visto.
    difficile dare anche un giudizio. Certo, certo, e’ negativo il giudizio. Orgia collettiva volgare. Ma come biasimarli?

    Appena arrivato promisi a me stesso di starci non oltre due anni.
    Troppo grande la bolgia per i miei gusti. TRoppa volgarita’.

    Poi le cose sono cambiate, e continuano a cambiare.
    E sono ancora qui’.
    C’e’ chi dice che non e’ vero. Che Dublino e’ esattamente come due anni fa. Ma pagare 400 euro in meno per lo stesso appartamento che presi 2 anni fa, per me non e’ la stessa cosa.

    Andare a temple bar adesso, di sabato sera, e riuscire a camminarci liberamente, mentre prima non riuscivo nemmeno ad entrarci. E dico ad entrarci. E non dico temple bar come pub, intendo la strada, il quartiere!. Non si poteva entrare.
    Ecco, nemmeno questa e’ la stessa cosa.

    Ritrovarsi ad harcourt street alle due di sabato notte e non vedere nessuno, e dico NESSUNO, non e’ la stessa cosa.

    Sincerimente, preferisco di gran lunga questo difficile hangover, alla sbornia da te raccontata.
    Resto per godermi l’hangover. Un po’ di sano mal di testa e riposo non ha mai fatto male a nessuno.

  • Lyndon 12:34 pm on 16 giugno 2009 | #

    @bacco1977: Infatti, ora come ora mi reputo uno spettatore di cio’ che fu.

    Difficile darne un giudizio, forse stralci cinematrografichi come “Le ceneri di Angela” ci possso dare una vaga dimensione di quello che era l’Irlanda tradizionale si, ma povera, tanto povera.

    Godiamoci l’hangover e i suoi sopravvissuti.

  • Lyndon 12:39 pm on 16 giugno 2009 | #

    Come erano: http://dhs-reunion.net/photo_gallery.htm

  • bacco1977 1:05 pm on 16 giugno 2009 | #

    bellissime!
    che differenza….


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: